Come vendere una casa ereditata

(Premi l’immagine qui sotto per guardarti comodamente il video articolo)

Quando si eredita un immobile è possibile desiderare di venderlo. Vendere un immobile ereditato è sempre possibile prima dei 10 anni dalla morte de cuius. Ci sarà da prestare attenzione però, su alcuni dettagli che la distinguono da una classica vendita immobiliare. In particolare:

Documentazione per vendere un immobile ereditato

Dichiarazione di successione:

Il primo passo da compiere quando si eredita un immobile è quello di presentare la dichiarazione di successione, per notificare il trasferimento del bene agli eredi

Questa va presentata entro un anno dal decesso di chi ha lasciato l’immobile in eredità. E’ possibile fare la dichiarazione di successione tramite il sito dell’Agenzia delle Entrate.

Accettazione e trascrizione

Molti pensano sia sufficiente l’atto di successione per vendere l’immobile. Sarà necessario, invece, anche l’accettazione dell’eredità, tacita o espressa.

Puoi ottenere l’accettazione e la sua trascrizione nel momento in cui richiedi l’atto di successione o anche direttamente al notaio il giorno del rogito. Tieni presente che senza questi documenti non potrai vendere l’immobile e indicativamente la documentazione ti verrà a costare 500/600€

Per ottenere l’accettazione e relativa trascrizione dovrai presentare al notaio:

  • Certificato di morte di ha lasciato il bene in eredità

  • L’atto di successione

Devo pagare le tasse di successione?

Il corrispettivo da pagare in tasse varia, e di molto, in base al livello di parentela:

  • 4% sul valore catastale dell’immobile, con franchigia pari a 1.000.000€ per figli e coniuge
  • 6% sul valore catastale con franchigia pari a 100.000€ per fratelli e sorelle
  • 6% sul valore catastale, senza franchigia, per nipoti, zii, cugini, cognati e suoceri
  • 8% per tutti gli altri soggetti (fra cui rientra anche il convivente)

Ma cosa si intende per “franchigia”?

Se la tua quota dell’immobile non supera in valore l’importo della franchigia NON DOVRAI PAGARE TASSE DI SUCCESSIONE.

Facciamo un esempio che può essere più chiaro.

Se erediti un immobile da 1’000’000 di Euro (Un Milione) o inferiore e sei o figlio o coniuge del deceduto, non dovrai pagare alcuna tassa di successione.

Nello stesso caso, con 3 figli a dividersi l’eredità in parti uguali (33% a testa) si pagheranno le tasse se l’immobile supera i 3’000’000 (Tre Milioni) di euro di valore alla vendita.

Chiaramente per figli e coniugi è molto facile rientrare nei limiti che rendono esente la tassa di successione. Decisamente più difficile per fratelli e sorelle che godo di una franchigia di 100’000 (Centomila)

Altre imposte da pagare

Escludendo bolli e tributi da pochi euro le altre imposte da pagare sono:

  • imposta ipotecaria (2% del valore catastale dell’immobile)

  • imposta catastale (1% del valore catastale dell’immobile).

Vendita immobile ereditato dopo 10 anni

La vendita di un immobile ereditato dopo 10 anni dalla morte de cuius può non essere più possibile.

La legge italiana fornisce un tempo massimo di 10 anni entro cui accettare l’eredità. Se l’erede non accetta l’eredità entro questo limite di tempo, la dichiarazione di successione non sarà sufficiente per affermare di aver accettato l’eredità.

In caso di mancata accettazione infatti, come dicevamo in precedenza, è impossibile vendere l’immobile.

Vuoi affidarti a un agenzia da noi selezionata nella tua città per vendere il tuo immobile ereditato al meglio?

Qui sotto trovi il modulo da completare con i dati di casa Tua, il nostro agente di riferimento più indicato per la tua situazione ti contatterà per procedere con la valutazione dell’immobile.

    Compila il box bianco qui sotto con i dati del tuo immobile (I puntini bianchi e blu sono cursori da spostare a destra e sinistra per scegliere le caratteristiche del tuo immobile)

    "*" indica i campi obbligatori

    Passo 1 di 5

    SELEZIONA LE CARATTERISTICHE DELLA TUA CASA